Vocabolario Dantesco Latino
www.vocabolariodantescolatino.it


[ visualizzazione standard - elenco voci ]
pernicies, -ei (s.f.)

DEFINIZIONE:
1. peste, flagello (Conte).
Ep. VII 23 An ignoras, excellentissime principum, nec de specula summe celsitudinis deprehendis ubi vulpecula fetoris istius, venantium secura, recumbat? Quippe nec Pado precipiti, nec Tiberi tuo criminosa potatur, verum Sarni fluenta torrentis adhuc rictus eius inficiunt, et Florentia, forte nescis?, dira hec pernicies nuncupatur.
FREQUENZA:
Ep. 1
INDEX LOCORUM:
pernicies, Ep. VII 23
LOCUZ. E FRAS.:
VARIANTI E/O CONGETTURE:
CORRISPONDENZE:
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
Latino classico e tardoantico:

ampiamente att. con il signif. di «perditio, exitium, calamitas, ruina», cfr. ThLL s.v. pernicies. È att. anche come sinonimo di pestis e pestilentia e può rif. a malattie e ferite, ThLL s.v. pernicies I A α II: «morbis, vulneribus sim.». Si veda ad. es. Liv. IV xxv 4 Pestilentia eo anno aliarum rerum otium praebuit. Aedes Apollini pro valetudine populi vota est. Multa duumviri ex libris placandae deum irae avertendaeque a populo pestis causa fecere; magna tamen clades in urbe agrisque promiscua hominum pecorumque pernicie accepta (CC); Cels. III xii 1 Incertum est enim quando febris ventura sit: ita fieri potest, ut, si subito venerit, summa in eo pernicies sit, quod auxilii causa sit inventum (CC); Colum. VI xiv 1 Est etiam illa gravis pernicies, cum pulmones exulcerantur; inde tussis et macies et ad ultimum pthisis invadit (CC). 

Latino medievale:

ampiamente att. con il signif. di 'distruzione fisica, morte, rovina', vd. DMLBS s.v. pernicies.

Lessicografi medievali:

Papias (s.v. pernicies): pernicies idest morbus, mors vel destructio (Mirabile). 
Uguccione,
 N 22, 11 (s.v. neco): Perneco -as, perfecte necare, unde hec pernicies -ei, mors, interitus; Iosephus (Cassiod. Ios. antiq. 17 p. 25) 'venenum in eius perniciem nundinatus est' (DaMA). 
Balbi (s.v. pernicies) = Uguccione (Mirabile).

Commentatori danteschi:

NOTA:

Hapax nel lat. dantesco, att. solo in Ep. VII 23, ma ampiamente att. nella latinità, anche nelle varianti permities, pernities, permicies. I tre mss. disponibili per questo passo di Ep. VII (V, P, M) tramandano infatti tutti la variante pernities. 

Il sost. indica generalmente la distruzione fisica di persone o animali, ma per metonimia, di persona o cosa rovinosa, può assumere anche il signif. di 'peste, flagello' (Conte). Con questo valore il sost. ricorre nel passo di Ep. VII 23 nell'invettiva contro Firenze, definita dira pernicies. Il lessico utilizzato nell'attacco alla città è infatti quello tecnico della medicina, per sviluppare l'immagine di Firenze che ha ammorbato l’intera penisola con un’infezione contagiosa dalla quale sono scaturite le ribellioni nel Nord Italia, per cui vd. anche i lemmi commaculo, contabesco, contagio, exhalo, fetor, infatuo, inficio, languidus, sanies, scatescentia, vitio in VDL e VagnoniInterazione.  

La particolare accezione assunta qui dal sost. è recepita anche dal volg. A di Ep. VII che traduce dira pernicies con «crudele pestilenzia», mentre il volg. B con «crudel morte».

AUTORE: Elena Vagnoni.
DATA REDAZIONE: 26.03.2022.