adimitor, -atus sum, -ari (v.)

1. imitare (Villa Ep., Mazzoni Questio).
Ep. XI 7 Nec adimitanda recenseo - cum dorsa, non vultus, ad Sponse vehiculum habeatis, et vere dici possetis, qui Prophete ostensi sunt, male versi ad templum - vobis ignem de celo missum despicientibus, ubi nunc are ab alieno calescunt; vobis columbas in templo vendentibus, ubi que pretio mensurari non possunt, in detrimentum hinc inde commutantium venalia facta sunt.
Questio 84 Ad quintum, cum dicitur quod aqua est corpus imitabile orbis lune, et per hoc concluditur quod debeat esse ecentrica, cum orbis lune sit ecentricus, dico quod ista ratio non habet necessitatem; quia licet unum adimitetur aliud in uno, non propter hoc est necesse quod imitetur in omnibus. Videmus ignem imitari circulationem celi, et tamen non imitatur ipsum in non moveri recte, nec in non habere contrarium sue qualitati; et ideo ratio non procedit.

Ep. 1
Questio 1

adimitanda, Ep. XI 7
adimitetur, Questio 84

-

Adimitanda in Ep. XI 7 è la lettura congetturale maggiormente condivisa tra gli editori e gli studiosi per la lezione tràdita dal codex unicus L, che presenta notevoli difficoltà di lettura a causa di una esecuzione grafica tentennante da parte di Boccaccio e dello sbiadimento dell'inchiostro (per le altre letture congetturali proposte vd. Varianti e/o congetture e gli studi ivi citati).

La lezione adimitanda è corretta sotto il profilo ritmico (crea un’esatta clausola di tardus: adimitánda recénseo) e semantico (il signif. di ‘non elenco ciò che dovreste imitare’ è pertinente al contesto), ma promuove a testo il v. adimitor, che trova una sola altra occorrenza in Questio 84, in un contesto che «vede ricorrere serialmente imitor (30. imitabile; 34. imitetur; 35. imitari, imitatur(cfr. Mazzoni Questio p. 875, cui si rinvia anche per la discussione delle congetture di Giuliani e Padoan). Non adduce alcuna prova a sostegno della affermazione che «adimitor trovasi usato in scrittori medievali» Rostagno, Sul testo, p. 298, e non risultano allo stato attuale altre occorrenze nel lat. precedente e successivo a D. del v. adimitor, composto di imitor e ad- con valore intensivo, sconosciuto anche ai lessicografi mediev. Si segnala solamente un’occorrenza del sost. adimitator in un’opera teologica di area celtica del IX secolo («"Signis" id est presentibus; "portentis" id est prodigiis de futuris scilicet; et "variis virtutibus" et cetera, id est: dedit apostolos vel adimitatores eorum potestatem hanc, iuxta quod ipse in evangelio dicit: "ite, praedicate omni creature quae sub caelo est", et in subsequentibus inquit: "demonia eicite, leprosos mundate, mortuos suscitate" et cetera», ACLL). 

Du Cange registra il lemma adimitari con il significato di «obstupefacere», senza riportare alcuna attestazione e rinviando all’interpretazione proposta da Lorenz Diefenbach nel Glossarium latino-germanicum mediae et infimae aetatis, il quale collega adimitari con il v. admirari e rinvia al «Vocabularius ex quo 4°, nr. 318, latino-saxonicus», ossia un lessico con voci latine tradotte in tedesco risalente al XV sec. La traduzione proposta da Diefenbach e accolta da Du Cange per adimitari rinvia al verbo admiror, piuttosto che a un composto di imitor, e non può essere considerata per il passo di Ep. XI perché la fonte cui rimandano è molto successiva a D.

Ep. XI 7: nec…recenseo] non legitur L, nec ad imitanda recenseo Troya, Del veltro allegorico, nec ad imitandum recenseo <vobis exempla> con. Witte Ep. (Torri Ep., Fraticelli Ep., Moore Ep., Giuliani Ep., Monti Ep.), nec adeo vitanda recenseo con. Muzzi Ep., nec adimitanda <vobis> recenseo con. Toynbee Ep., nec alia meditanda recenseo con. Pézard Ep., nec admiranda recenseo con. Bertalot, Zum Text (Cecchini, Sul testo, Potestà, Dante in conclave), nec adimitanda recenseo Rostagno, Sul testo (Pistelli Ep., Frugoni Ep., Jacomuzzi Ep., Lokaj Ep., Pastore Stocchi Ep., Villa Ep., Baglio Ep.).

Questio 84: adimitetur] adimitetur M et edd., imittetur con. Giuliani Questio, aliquod imitetur con. Padoan Questio

Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
-
Latino medievale:
Du Cange s.v. adimitari: «obstupefacere».
Lessicografi medievali:
-
Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 23.05.2021.
Data ultima revisione: 15.08.2022.