elegiace (avv.)

1. in modo elegiaco (Tavoni De vulg.).
De vulg. II iv 5 Deinde in hiis que dicenda occurrunt debemus discretione potiri,utrum tragice, sive comice, sive elegiace sint canenda. Per tragediam superiorem stilum inducimus, per comediam inferiorem, per elegiam stilum intelligimus miserorum.
De vulg. II iv 6 Si tragice canenda videntur, tunc assumendum est vulgare illustre, et per consequens cantionem ligare. Si vero comice, tunc quandoque mediocre quandoque humile vulgare sumatur: et huius discretionem in quarto huius reservamus ostendere. Si autem elegiace, solum humile oportet nos sumere.

De vulg. 2

elegiace, De vulg. II iv 5; II iv 6
-
Hapax dantesco assoluto. Neoformazione sul modello di comice e tragice per recuperare formalmente la tripartizione stilistica mediev. Di fatto però la vera polarizzazione insiste su due termini: tragedia e comedia (vd. comedia, comice, tragedia, tragice in VDL). Lo stile elegiaco si differenzia dai primi due in quanto è definito su base contenutistica (vd. elegia in VDL).
De vulg II iv 5: elegiace] elegiace G, T, eligiace B
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
-
Latino medievale:
-
Lessicografi medievali:
-
Commentatori danteschi:
-
Autore: Giulia Pedonese.
Data redazione: 05.08.2020.
Data ultima revisione: 17.05.2021.