repatriatio, -onis (s.f.)

1. ritorno in patria dall'esilio.
Ep. XII 2 In litteris vestris et reverentia debita et affectione receptis, quam repatriatio mea cure sit vobis et animo, grata mente ac diligenti animadversione concepi; et inde tanto me districtius obligastis, quando rarius exules invenire amicos contingit.
Ep. 1
repatriatio, Ep. XII 2
-
Hapax nel lat. dantesco. Neologismo mediev., deverbale da repatrio, -are, att. con il signif. di redire ad patriam. Come nota Pastore Stocchi Ep., p. 90, in D. il sost. si carica di un signif. pregnante non comune, ossia di 'ritorno in patria dall’esilio' o di 'revoca dell’esilio', come si evince dall’uso che D. fa del v. repatrio, -are, per cui vd. repatrio in VDL.
-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
-
Latino medievale:

att. con il signif. di «reditus in patriam», Du Cange s.v. repatriario. Cfr. inoltre DMBL e Blaise Mediev. s.v. repatriatio.

Lessicografi medievali:
-
Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 02.01.2022.