abmotim (avv.)

1. distante (Tavoni De vulg.). 
De vulg. I ix 10 Si ergo per eandem gentem sermo variatur, ut dictum est, successive per tempora, nec stare ullo modo potest, necesse est ut disiunctim abmotimque morantibus varie varietur, ceu varie variantur mores et habitus qui nec natura nec consortio confirmantur, sed humanis beneplacitis congruitate nascuntur.
De vulg. 1

abmotimque, De vulg. I ix 10

-

Hapax dantesco assoluto, lezione di tutti i manoscritti (vd. Tavoni De vulg., p. 1226). Deverbale da amoveo con l'aggiunta del suffisso avverbiale -(t)im (cfr. Stotz VI 109); ipercorrettismo grafico del prefisso ab- in luogo di a- (cfr. anche abvia in VDL). 

Neoformazione sul modello di admotim, remotim e semotim, avverbi del lat. tardo registrati da Uguccione come derivati dei composti del v. moveo: «Item moveo componitur admoveo -es, idest advicinare, adiungere, unde admotim, idest advicinatim, adiunctim; amoveo -es, removere, avertere, absentare, separare […] removeo -es, unde remotus -a -um nomen, et comparatur, unde remote vel remotim, idest separatim […] Item moveo componitur semoveo -es, seorsum movere, separare, unde semotim, idest separatim» (M 141, 31, 35 e 47, s.v. moveo). 

L’avv. abmotim è inserito nel Glossario di Marigo come voce di uso non accertato (cfr. Marigo De vulg., p. 319): nella latinità prima e dopo Dante non si rilevano infatti occorrenze né di abmotim, né di un'eventuale forma *amotim. 

-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
-
Latino medievale:
-
Lessicografi medievali:
-
Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 03.01.2022.