conferto, -are (v.)

1. aggiungere, moltiplicare.
Ep. IX 4 At quamvis insinuata per litteras ineffabiliter grata fuerint et iocunda, spes amplior tamen et letandi causas accumulat et simul vota iusta confectat [confertat V]. Spero equidem, de celesti provisione confidens quam nunquam falli vel prepediri posse non dubito et que humane civilitati de Principe singulari providit, quod exordia vestri regni felicia semper in melius prosperata procedent.
Ep. 1

confertat, Ep. IX 4

-

Att. solo in D. e nella lessicografia mediev. Frequentativo di confercio, composto di farcio; neologismo mediev. di carattere effimero, che non si è insediato stabilmente nel lessico della lingua latina. Prima di D. il v. è att. solamente nei dizionari di Uguccione e Balbi come derivato da confercio e dopo D. ricorre solo nei lessici latino-francese di Firmin Le Ver (1440) e di Guillaume le Talleur (1490) con il signif. di «frequenter confercire» (per una simile dinamica di ripresa, cfr. anche avieo, pexo, prosayco, returgeo in VDL e per approfondimenti vd. Albanese, Nel cantiere).

La lezione confertat del testimone unico V è ora restituita a correzione dell’erronea lettura confectat perpetuatasi dal XIX secolo fino al 2019, quando è stata denunciata da Grévin, Una proposta, a cui si deve il riconoscimento della corretta lettura paleografica confertat, ritenuta però priva di senso e corretta congetturalmente in confortat. 

Il ricorso a emendationes ope ingenii non è necessario, perché la lezione tràdita è difendibile: conferto, infatti, di cui D. trovava conferma in Uguccione, è pertinente al contesto di Ep. IX, dove ricorre con il signif. di ‘aggiungere’, ‘moltiplicare’ i «vota iusta». Per approfondimenti sulla questione filologico-ecdotica ed ermeneutica relativa al termine, cfr. Vagnoni, Interazione.

confertat] confertat V, confectat Torri Ep. et edd., confortat con. Grévin, Una proposta.

Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
-
Latino medievale:
-
Lessicografi medievali:

Uguccione, F 13, 9 (s.v. farcio): Farcio componitur confercio -cis confersi -tum, idest conspissare, constipare, replere, unde confertus -a -um, idest spissus et constipatus et comparatur -tior -simus […] Et ab omnibus istis descendunt frequentativa conferto -as, differto -as, inferto -as, referto -as. Farcio et omnia composita ab eo activa sunt et omnia faciunt preteritum in -si et supinum in -tum, licet quandoque inveniatur preteritum eorum in -civi et supinum in -citum. Item omnia ab eo composita mutant a simplicis ubique in e (DaMA).
Balbi (s.v. confertus): Confertus, -ta, -tum idest spissus, constipatus, repletus, a confercio, -cis et comparatur -tior, -issimus. Item a confercio conferto, -as, verbum frequentativium. Papias vero dicit: «conferta, in unum collecta, plena, comparata». Luca VI: «mensuram bonam et confertam et cogitatam et supereffluentem dabunt in sinum vestrum» (Mirabile).

Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 23.05.2021.
Data ultima revisione: 15.08.2022.