coruscatio, -onis (s.f.)

1. lampo (Conte).
Ep. IV 4 O quam in eius apparitione obstupui! Sed stupor subsequentis tonitrui terrore cessavit. Nam sicut diurnis coruscationibus illico succedunt tonitrua, sic inspecta flamma pulcritudinis huius, Amor terribilis et imperiosus me tenuit.
Ep. 1

coruscationibus, Ep. IV 4

-

Hapax nel lat. dantesco. Deverbale da corusco, -are, il sost. coruscatio, assente nel lat. class., è di uso linguistico tardo. 

In Ep. IV 4 il sost. coruscatio indica un fulmine, a cui in natura segue il tuono, nel contesto dell’ampia similitudine dell’apparizione della donna come folgore («mulier, ceu fulgur descendens, apparuit»). Coruscatio al par. 4, infatti, costituisce variatio del precedente fulgur al par. 3. L’uso di coruscatio concorre ad accrescere la potenza visiva dell’apparizione, veicolata anche dai sost. fulgur e flamma, che in unione con tonitruum conferiscono alla scena un carattere sacro e numinoso. Fenzi, Ancora sulla ‘Epistola’, p. 53 ricorda che secondo gli «archetipi biblici, […] sono appunto i fulmini, i tuoni, le nubi e le tempeste montane a segnalare la presenza di Dio». L’immagine del tuono e del lampo è assai frequente nella lirica d’amore, per cui cfr. Stabile, Modelli, p. 74.

I lessicografi mediev. non registrano il sost. coruscatio: Papia, Uguccione e Balbi glossano solamente il v. corusco e l’agg. coruscus.

In volg. D. utilizza in Conv. III viii 11 il sost. corruscazione (corruscatio è variante grafica att. nel lat., cfr. ThLL s.v. coruscatio) con il signif. di ‘bagliore’, ma con valore fig. in rif. all’anima che gioiosa emette lampi di luce. Il rapporto tra luce e sorriso dell'anima è presente anche nella Commedia, espresso attraverso l’uso del v. coruscare e dell’agg. corusco, per cui vd. corusco, coruscare in VD, corruscazione in ED. 

-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
corruscazione, vd. ED (L. Onder).
Latino classico e tardoantico:

att. a partire dal lat. tardoant., generalmente con il signif. proprio di ‘luce, bagliore’ (ThLL s.v. coruscatio I A), rif. anche a quello emanato da un fulmine come in Iul Val. I 12 motus protinus terrae insequitur et tonitruum crepor ventorumque conflictus, tum etiam fulgurum coruscatio, prorsus uti viseres omni mundo cura cum illa partitudine laborantem (CC). Può indicare anche il lampo vero e proprio (ThLL s.v. coruscatio I B). Con signif. metaf. (cfr. ThLL  s.v. coruscatio II) soprattutto negli autori cristiani, vd. ad es. Eucher. Form. III Coruscationes: splendores evangelii (CC); Hier. In Matth. II xiv 17 Igitur apostoli ante passionem salvatoris et coruscationem evangelii fulgurantis, non habebant nisi quinque panes et duos pisciculos, qui in salsis aquis et in maris fluctibus versabantur (CC).

Latino medievale:

att. con gli stessi signif. del lat. tardoant., sia con valore proprio di «fulmen, fulgur, splendor» rif. all’evento atmosferico, sia con signif. fig. «de luce divina de caelo descendente» o «de divinitate et caelestibus», MLW s.v. coruscatio; vd. ad es. Paolo Diacono, Hist. Lang., XII xciii 23 Sed tantae coruscationes et tonitrua fuerunt (CC); Pascasio Radberto, Exp. in Matt. VII Presertim quia apostoli ante passionem Domini et coruscationem Evangelii non habebant nisi quinque panes et ipsos ordeaceos quia lex Moysi in quinque libris distincta nimia palearum tenacitate constringebatur (CC); Pier Damiani, Conta intemperantes clericos, III 1 Coruscatio vero habet quidem lucem, sed non diutius permanentem; mox enim ut incipit, desinit. Ita sunt nonnulli rectores aecclesiarum, qui quodammodo tunc coruscare incipiunt, cum ad corrigenda mala subiectorum quasi zelo se ultionis accendunt, sed protinus extinguntur, quia qualibet adversistate fracti vel torpore desidiae resoluti cito deficiunt (CC).

Lessicografi medievali:
-
Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 22.05.2021.
Data ultima revisione: 15.08.2022.