calcitro, -avi, -atum, -are (v.)

1. recalcitrare (Conte).
Ep. XI 13 Nec Oze presumptio quam obiectandam quis crederet, quasi temere prorumpentem me inficit sui tabe reatus; quia ille ad arcam, ego ad boves calcitrantes et per abvia distrahentes attendo. Ille ad arcam proficiat qui salutiferos oculos ad naviculam fluctuantem aperuit.
Ep. 1

calcitrantes, Ep. XI 13

-

Hapax nel lat. dantesco, ma v. ampiamente att. sia con il signif. proprio di ‘tirar calci’ in rif. agli animali, sia con valore fig. di ‘essere recalcitrante’, ‘ribellarsi’ (vd. ThLL s.v. 2. calcitro). L'espressione «boves calcitrantes» di Ep. XI 13 è un calco di «calcitrabant boves» di 2 Sam. 6, 6-7 (vd. Corrispondenze). D. utilizza il v. in rif. ai buoi recalcitranti (così gli editori traducono concordemente il participio presente), ossia i cardinali, che trascinano il carro della Chiesa fuori strada (vd. anche abviusexorbitatio, exorbito, orbita in VDL). Per l'utilizzo del passo biblico di 2 Sam. 6 nell'ep., vd. Hollander, Dante as Uzzah? Il v. ricorre anche in Ep. V 14 in una citazione esplicita di At. 26, 14 (vd. Corrispondenze): «Preoccupetis faciem eius in confessione subiectionis, et in psalterio penitentie iubiletis, considerantes quia "potestati resistens Dei ordinationi resistit"; et qui divine ordinationi repugnat, voluntati omnipotentie coequali recalcitrat; et "durum est contra stimulum calcitrare"».

In Ep. V 14 ricorre con il signif. morale di 'opporsi, recalcitrare' il v. composto recalcitro, per cui vd. recalcitro in VDL. 

-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
ampiamente att. con il primo signif. di 'tirar calci', ma ricorre anche con il valore fig. di 'opporsi, resistere' (cfr. ThLL s.v. 2. calcitro). In relazione all'uso dantesco, cfr. At. 26, 14 omnesque nos cum decidissemus in terram, audivi vocem loquentem mihi hebraica lingua: "Saule, Saule, quid me persequeris? Durum est tibi contra stimulum calcitrare" (CC); 2 Sam. 6, 6-7 Postquam autem venerunt ad aream Nachon, extendit manum Oza ad arcam Dei et tenui team quoniam calcitrabant boves, et declinaverunt eam. Iratusque est indignatione Dominus contra Ozam et percussit eum super temeritate qui mortuus est ibi iuxta arcam Dei (CC).
Latino medievale:

ampiamente att. con gli stessi signif., cfr. DMLBS e Du Cange s.v. calcitrare e Blaise Mediev. s.v. calcitro.  

Lessicografi medievali:

Papias (s.v. calcis): calcitrare quasi calce retro ferire (Mirabile).
Uguccione, C 8, 11 (s.v. calco): Item a calx calcitro -tras, idest calce percutere, et est activum, vel resistere, et tunc est neutrum (DaMA). 
Balbi (s.v. calcitro) = Uguccione (Mirabile).

Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 03.01.2022.
Data ultima revisione: 14.11.2022.