arundineus, -a, -um (agg.)

1. di canna (Castiglioni-Mariotti).
Eg. IV 39 verum, ut arundinea puer is pro voce laborat, / – mira loquar sed vera tamen – spiravit arundo.

Eg. 1

arundinea, Eg. IV 39
-

Hapax nel lat. dantesco (con alternanza grafica arundineus / harundineus nel lat. class. e mediev.), utilizzato in Eg. IV 39 nella iunctura «arundinea ... voce» e in connessione al sost. arundo (v. 40) a designare il materiale – la canna – di cui è costituita la fistula di Melibeo (vd. arundo in VDL e i lemmi della stessa famiglia semantica: calamus, canna, canneus, fistula, tibia). L’agg. ricorre raramente nel lat. class. e mediev. nell’accezione dantesca, con rif. metonimico allo strumento musicale: nel lat. class. significativa l’occorrenza di Ov. Trist. IV 1, 12, con rimando al canto pastorale, mentre non si registrano att. del termine nella bucolica precedente a D.

Nella poesia umanistica si rilevano varie occorrenze in Pontano, Hesp. II 507 «Quin et arundineis mala ipsa liquoribus ante / arte quidem medicata coquunt» (Poeti d'Italia); 554 «teque et arundineo incinctus veneratur amictu / Eridanus» (Poeti d’Italia); Egl. II 78 «contusaque crusta liquabat / mellis arundinei vitreum et de fonte liquorem» (Poeti d’Italia); Parthen. II 14, 13 «Amnis, arundinea velans sua tempora mitra» (Poeti d’Italia), sebbene l’agg. non sia riferito né allo strumento musicale né al canto bucolico.
-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
rare att., perlopiù legate al signif. proprio del termine (cfr. ThLL s.v. harundineus); notevole in relazione all’uso dantesco: Ov. Trist. IV 1, 12 Fessus ubi incubuit baculo saxove resedit / pastor, harundineo carmine mulcet oves (MqDq).
Latino medievale:
rarissime att. nell’accezione dantesca, in rif. allo strumento musicale e al canto dei pastori (cfr. MLW s.v. arundineus); cfr. Sedulio Scoto, Carm. I 8, 26 nescit harundineas texere mente strophas (MGH).
Lessicografi medievali:

Uguccione, A 310, 12 (s.v. areo): Et ab areo hec arundo -nis, quia cito aret et proprie dicitur folium dependens, sed sepe simpliciter pro canna ponitur, unde arundineus -a -um (DaMA).
Balbi (s.v. arundo) = Uguccione (Mirabile).

Commentatori danteschi:
-
Autore: Veronica Dadà.
Data redazione: 08.06.2022.
Data ultima revisione: 15.08.2022.