aresco, -erui, -escere (v.)

1. disseccarsi (Conte).
Ep. VII 22 Quid, preses unice mundi, peregisse preconicis cum cervicem Cremone deflexeris contumacis? nonne tunc vel Brixie vel Papie rabies inopina turgescet? Ymo, que cum etiam flagellata resederit, mox alia Vercellis vel Pergami vel alibi returgebit, donec huius scatescentie causa radicalis tollatur, et radice tanti erroris avulsa, cum trunco rami pungitivi arescant.
Ep. 1

arescant, Ep. VII 22

-
Hapax nel lat. dantesco. Incoativo di areo, il v. registra in àmbito mediolat. un indebolimento dell’aspetto ingressivo, caratteristico dei v. incoativi (cfr. Stotz V 66.6).

Il v. aresco è ampiamente att. nella latinità con i signif. di  'disseccarsi, inaridirsi, appassire' (ricorre frequentemente nei trattati di agricoltura di Catone, Columella e Varrone); nella Vulgata indica l’inaridimento della vegetazione (cfr. Cura Curà, Cultura classica e biblica, p. 312) e ricorre poi con frequenza nella letteratura patristica e cristiano-medievale (cfr. Blaise Patr. s.v. aresco).

Nel passo dantesco, il lemma fa parte di un’icastica metafora vegetale: per estirpare un albero non è sufficiente tagliarne solo i rami, ma è necessario asportare le radici che apportano nutrimento alla pianta (Firenze) affinché i rami spinosi si secchino, «rami pungitivi arescant» (le città del Nord Italia che si ribellano all'imperatore). È significativo per i paralleli con il passo dantesco l’episodio biblico di Ez. 17, in cui viene profetizzato il castigo del re Sedecia ad opera del sovrano Nabucodonosor, simboleggiato da un’aquila.

Nei volgarizzamenti di Ep. VII, «rami pungitivi arescant» viene tradotto con «li pugnenti rami inarisdiscano» (volg. A) e similmente «i pungenti rami inaridiscono» (volg. B).
-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
ampiamente att. nel lat. class. (ThLL s.v. aresco), ricorre anche nella Vulgata per indicare l’inardimento della vegetazione. Significativo il passo di Ez. 17, 9-10 Dic: Haec dicit Dominus Deus: Ergone prosperabitur? Nonne radices eius evellet et fructum eius distringet et siccabit omnes palmites germinis eius et arescet? Et non in brachio grandi neque in populo multo, ut evelleret eam radicitus. Ecce plantata est; ergone prosperabitur? Nonne, cum tetigerit eam ventus urens, siccabitur et in areis germinis sui arescet?” (CC).
Latino medievale:
ampiamente att. con il signif. di «(ex) siccari, indurescere, marcescere» (MLW s.v. aresco IA) rif. ad acqua, terra e anche a parti del corpo. Specificamente con rif. all’inaridimento delle piante cfr. MLW s.v. aresco I A 2 b e vd. ad es. Paolino d’aquileia, Carm., I 64 Illic picta rubent croceo de flore virecta; / candidulo rident pulchre de germine cincta, / frigore quae numquam, radio nec solis arescunt (MGH). 
Lessicografi medievali:

Papias (s.v. areo): areo -res -rui -rere, id est siccare; inde aridus -or -simus, ariditas et arena: inde arenarius arenosus, aranea araneolus aresco arista; componitur exareo arefacio et arefio (Mirabile).
Uguccione, A 310, 1-2 (s.v. areo): Areo -res -rui verbum neutrum et caret supino, esse vel fieri siccum, unde aridus -a -um, quod comparatur -dior -simus et cetera, unde ariditas -tis, et componitur peraridus -a -um, idest valde aridus. Item ab areo aresco -scis inchoativum, quod componitur inaresco et exaresco (DaMA).
Balbi (s.v. aresco): aresco ab areo, -es, dicitur aresco, -cis verbum inchoativum et componitur inaresco, -cis, et exaresco, -cis (Mirabile).

Commentatori danteschi:
ampiamente att., vd. ad es. Benvenuto da Imola ad Purg. XI 115-117: la vostra nominanza è color d'erba, che viene e va, quia nunc virescit, nunc arescit; ad Par. XII 82-87: Et vere fuit magnus magister tal che si mise a circuir la vigna, idest, fidem catholicam quae infra dicitur hortus, che tosto imbianca, idest, arescit, quod ex viridi efficitur alba (DDP).
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 30.04.2022.
Data ultima revisione: 15.08.2022.