funiculus, -i (s.m.)

1. sferza (Frugoni Ep.).
Ep. XI 8 Sed attendatis ad funiculum, attendatis ad ignem, neque patientiam contemnatis Illius qui ad penitentiam vos expectat.
Ep. 1

funiculum, Ep. XI 8

-
Hapax nel lat. dantesco, att. solo in Ep. XI 8. Diminutivo di funis con l’aggiunta del suffisso -culus (cfr. Stotz VI 92), ampiamente att. nella latinità con il significato proprio di ‘cordicella’, «funis parvus» (ThLL s.v. funiculus 1).

In numerosi passi della letteratura patristica e cristiano-medievale, funicula sono propriamente le cordicelle di cui è fatta la sferza, sulla base di Gv. 2, 15 «et cum fecisset quasi flagellum de funiculis», in cui il riferimento è alla frusta usata da Cristo contro i mercanti per epurare il tempio, fatta appunto di cordicelle, «de funiculis».

In Ep. XI 8 funiculus indica per metonimia la sferza stessa perdendo l’originario valore diminutivo, con allusione alla sferza con cui Gesù castigò e allontanò i mercanti e i cambiavalute che con le loro attività profanavano il tempio di Gerusalemme. A questi biblici exempla negativi vengono paragonati i cardinali corrotti, accusati di aver reso venali le questioni religiose («Nec adimitanda recenseo [...] vobis columbas in templo vendentibus, ubi que pretio mensurari non possunt, in detrimentum hinc inde commutantium venalia facta sunt»). Similmente in Purg. XIII 39 il sost. corda (ma non il diminutivo cordicella, che pure era attestato nella lingua volg., ma non nel volg. dantesco) indica le strisce della frusta: «E ‘l buon maestro: “Questo cinghio sferza / la colpa de la invidia, e però sono / tratte d’amor le corde de la ferza», per cui cfr. corda in ED. 

Per i diminutivi nelle Epistole cfr. anche agellus, corvulus, navicula, parvulus, rivulus, scintillula, vulpecula in VDL.
-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
ampiamente att. nel signif. di 'piccola fune, cordicella', per cui vd. ThLL s.v. funiculus. Significativo per il passo dantesco Gv. 2, 15 et cum fecisset flagellum de funiculis, omnes eiecit de templo, oves quoque et boves.
Latino medievale:

numerose, vd. DMLBS. s.v. funiculus, in partic. 1b per il signif. fig. di 'mezzo di castigo'; vd. ad es. Beda il Venerabile, Hom. Ev., II hom. 1, 106 Verum huiusmodi operarios fraudulentos, quae merces maneat, ostendit Dominus, cum facto de funiculis flagello omnes eiecit de templo [...]. Funiculi, quibus flagellando impios de templo expulit, crementa sunt actionum malarum, de quibus materia damnandi reprobos iudici datur (CC). 

Lessicografi medievali:

Papias (s.v. funis): funis, inde diminutivum funiculus. Funiculus mensura (Mirabile).
Uguccione, F 53, 12 (s.v. fos): Item a fos quod est lux hic funis, quia funes ante usum papiri olim in usum luminis fuerunt, circumdati cera, unde hic funiculus diminutivum et, per compositionem, hic funambulus, qui supra funem ambulat (DaMA).
Balbi (s.v. funiculus): funiculus diminutivum, parvus funis (Mirabile).

Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 25.04.2022.
Data ultima revisione: 15.08.2022.