corvulus, -i (s.m.)

1. figlio del corvo (Frugoni Ep.).
Ep. V 11 Pone, sanguis Longobardorum, coadductam barbariem; et si quid de Troyanorum semine superest, illi cede, ne cum sublimis aquila fulguris instar descendens affuerit, abiectos videat pullos eius, et prolis proprie locum corvulis occupatum.
Ep. 1
corvulis, Ep. V 11
-
Hapax nel lat. dantesco. Diminutivo di corvus, con l’aggiunta del suffisso -ulus (Stotz VI § 89). Termine molto raro, estraneo alla latinità class. Tra i moderni lessici del latino mediev., il sost. è registrato dal Blaise Mediev. s.v. corvulus con il signif. di «petit corbeau» e il rinvio a due occorrenze in un carme di Teodolfo d’Orleans (vd. Corrispondenze), in cui il sost. è usato con valore negativo, per cui vd. De Riquer, Teodulfo de Orleans, pp. 108-109 per l’identificazione dell’acerrimus Corvulus cui è indirizzato il carme. 

I
n Ep. V 11 il sost. non è usato con signif di ‘corvo piccolo’ con rif. alle dimensioni, ma nell’accezione di ‘figlio del corvo’, come traduce la maggioranza degli editori (Torri Ep., Jacomuzzi Ep. 'corbicino'; Monti Ep. 'genitura dei corvi'; Frugoni Ep., Pastore Stocchi Ep., Villa Ep. 'figlio del corvo'; Lokaj Ep. 'pulcino di corvo'; Baglio Ep. 'piccolo dei corvi'), per indicare la prole dell’animale che occupa illegittimamente il nido dei figli dell’aquila, all’interno della metafora dell’impero che, a lungo rimasto privo di reggenza, è stato usurpato da quanti hanno esercitato il potere senza diritto, sostituendosi al legittimo imperatore. Nel volgarizzamento di Ep. V il diminutivo è tradotto con «giovani corbi» (Montefusco, Volg. Ep. V-VII, p. 259). Anche nell’occorrenza di corvus in Mon. III iii 17 l’animale è caratterizzato negativamente.

Per i diminutivi nelle Epistole cfr. anche agellus, funiculus, navicula, parvulus, rivulus, scintillula, vulpecula in VDL.
-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
-
Latino medievale:

poco att., cfr. Blaise Mediev. s.v. corvulus: Teodolfo d’Orleans, Carm., 818 Pygmalei tantum cupientes quaerere pacem, / propter bella gruum Corvule nigre tibi, / haec tibi sufficiant venienti, trispeda tantum / verbis sufficiant hiems, sitis, atque fames. / Nos nostros nobis nostra teneamus in aula / trispedicos fratres, sit tibi turba brevis. / Hos tantum teneas acerrime Corvule versus: / saepius atque legens pectore conde tuo(CC).

Lessicografi medievali:
-
Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 26.04.2022.
Data ultima revisione: 15.08.2022.