acernus, -a, -um (agg.)

1. di legno d’acero (Castiglioni-Mariotti).
Eg. IV 12 Tytirus hic - annosus enim - defensus acerna / fronde soporifero gravis incumbebat odori.

Eg. 1

acerna, Eg. IV 12
-
Hapax nel lat. dantesco, utilizzato in Eg. IV 12 in rif. alla chioma di acero sotto cui trova riposo il pastore Titiro (vd. anche fraxineus, platanus, quercus, salignus, tilia in VDL). L’agg., più frequentemente att. in ambito poetico, non rientra nel lessico bucolico class. e mediev. (in Virgilio, anzi, ha connotazione epica: cfr. Aen. II 112; VIII 178; IX 87), così come l’acero non è specie botanica distintiva della poesia pastorale. Il termine è introdotto nella bucolica per la prima volta da D. e registra att. successive in Petrarca, Buc. X 289 «atque hic, multa iubens, e sede verendus acerna» (Poeti d’Italia); Checco di Meletto Rossi, Eg. IV 26 «Plura tamen cecinit subque umbra tectus acerna» (DaMA); e, nella pastorale umanistica, in Mantovano, Adul. II 79 «Continuit gressum baculoque innixus acerno» (Poeti d’Italia).
-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
scarse (cfr. ThLL s.v. acernus), tra cui in ambito poetico: Verg. Aen. II 112 cum iam hic trabibus contextus acernis / staret equus (MqDq); IX 87 nigranti picea trabibusque obscurus acernis (MqDq); Ov. Met. VIII 346 truncoque dedit leve vulnus acerno (MqDq); Fast. I 423 lotis in herbosa sub acernis ultima ramis (MqDq).
Latino medievale:
molto rare (cfr. MLW s.v. acernus), tra cui in ambito poetico: Gualtiero di Châtillon, Alexandreis, V 157 crudeque licet pulsatus acerno / stipite (LLT-A); Giovanni di Salisbury, Policraticus, VIII 6 accipit Eneam solioque invitat acerno (LLT-A).
Lessicografi medievali:
Papias (s.v. acernus): acernus, -na, -num de acere ligno significat (Mirabile).
Commentatori danteschi:
-
Autore: Veronica Dadà.
Data redazione: 20.01.2022.
Data ultima revisione: 05.05.2022.