fetor, -oris (s.m.)

1. cattivo odore (Conte).
Ep. VII 23 An ignoras, excellentissime principum, nec de specula summe celsitudinis deprehendis ubi vulpecula fetoris istius, venantium secura, recumbat? Quippe nec Pado precipiti, nec Tiberi tuo criminosa potatur, verum Sarni fluenta torrentis adhuc rictus eius inficiunt, et Florentia, forte nescis?, dira hec pernicies nuncupatur.
Ep. 1
fetoris, Ep. VII 23
-

Hapax nel lat. dantesco. In Ep. VII 23 indica l'odore sgradevole caratteristico della vulpecula, Firenze, che si abbevera alle acque del fiume Arno avvelenandole (vd. vulpecula in VDL). L’immagine del fetore della vulpecula si riconnette a quella della scatescentia, contagiosa infezione anti-imperiale originatasi da Firenze e propagatasi alle città del Nord Italia (cfr. Pistelli, Piccola antologia, p. 217). Nell’invettiva contro Firenze il lessico utilizzato rimanda al tema del contagio e della malattia di cui la città è responsabile, per cui cfr. anche i lemmi commaculocontabesco, contagio, exhalo, infatuo, inficio, languidus, pernicies, sanies, scatescentia, vitio in VDL e Vagnoni, Interazione. 

Il sost. fetor viene tradotto con 'puzzo' nei volgarizzamenti di Ep. VII. Nel volg. dantesco non è att. il sost. fetore, frequente nell'italiano antico (cfr. TLIO s.v. fetore). D. ricorre al sost. puzzo per indicare un «odore corrotto e sgradevole», per cui vd. puzzo e puzza in ED (L. Onder).

-
Voce corrispondente nelle opere volgari di Dante:
-
Latino classico e tardoantico:
ampiamente att. con il signif. proprio di «malus odor», anche in contesti fig., per cui cfr. ThLL s.v. foetor.
Latino medievale:

ampiamente att. con lo stesso signif., cfr. MLW s.v. foetor.

Lessicografi medievali:

Uguccione, F 24, 9 (s.v. fedo): Item a fedo fedeo -des et, mutata d in t, dicitur feteo -es -ui, idest esse vel fieri fetidum; quod autem dicitur fetet quasi fos tenet, idest ignem vel aerem, ethimologia est. Et hinc hic fetor -ris, unde fetidus -a -um, et fetosus -a -um, idest fetidus; et per compositionem fetulentus -a -um, idest plenus fetore et comparatur, unde hec fetulentia -e, idest feditas (DaMA).
Balbi (s.v. feteo) = Uguccione (Mirabile). 

Commentatori danteschi:
-
Autore: Elena Vagnoni.
Data redazione: 04.01.2022.